Periferie nel mondo

LE PERIFERIE DEL MONDO. Nel mondo ogni città ha un proprio centro e, usciti fuori dalle mura cittadine e proseguendo fuori, fuori, fuori…si arriva in periferia – di FRANK 00 (*)

murales roma scudettoLe persone associano la periferia con la criminalità, il pericolo … Io vivo in periferia, a Torraccia, un quartiere fuori dal G.R.A; qualche volta succedono brutti episodi come suicidi, furti, spaccio. Io che ci vivo so che questo accade, ma in periferia, secondo me, si incontrano le persone più forti, più determinate, con voglia di affermare la loro personalità nella società. Questo si esprime con l’arte dei murales che sta diventando molto comune nella nostra città, dove i ragazzi disegnano qualcosa che li rappresenta. Bisogna soffermarsi su ciò perché bisogna capire che i murales (non le scritte stupide) non sono reati. Sono una forma di arte moderna.

I problemi non mancano e sono all’ordine del giorno.

Nel 2007, a Torraccia, il comune costruì una pista ciclabile che per i primi mesi era funzionante, ma poi è diventato un luogo di ritrovo di spacciatori che anche ai ragazzi offrono la droga. Io una volta in bici incontrai uno di questi che si stava drogando e voleva offrire la droga ai passanti.

ciao RobertoQuest’estate invece, davanti a casa mia, un ragazzo di 14 anni si suicidò perché ritenuto gay dai suoi amici.  Questa omofobia sempre più diffusa tra i ragazzi porta a questo. Le persone reagiscono a modo proprio e questo ragazzo ha reagito così.

Nelle periferie in generale di tutta Roma, i controlli non ci sono, o meglio  ci sono solo se c’è una caserma vicina. A Torraccia non c’è una caserma e gli episodi di spaccio e di violenze vengono accentuati dal non controllo.

Adesso io non voglio rimproverare nessuno perché non ne ho le capacità, ma spero che se qualcuno legge si renda conto della situazione.

I ragazzi di questi quartieri hanno i genitori separati o uno dei due in galera perché spacciava o violentava.  I quartieri periferici assumono la loro identità con la musica. Nel vicino San Basilio stanno nascendo cantanti rap molto bravi.

San Basilio. Sicuramente lo conoscerete perché in questi mesi si sente spesso che qualcuno a San Basilio viene arrestato. Negli ultimi mesi, 60 spacciatori sono stati arrestati , oppure nel 2010 un marito è stato arrestato perché scaraventò dalla propria auto sua moglie, ferendola gravemente.

Io non stimo molto la gente di Torraccia e di San Basilio però credo che entrambi i quartieri abbiano un proprio fascino.

Questa è la descrizione delle periferia Nord-Est di Roma, ma nel mondo la situazione non è delle migliori.

Ilaria Alpi

Ilaria Alpi

Sappiamo tutti delle situazioni delle Favelas di Nairobi, dove i bambini per non patire la fame sniffano residui di colla industriale che trovano in giro, oppure nella Favela di Mogadiscio dove una delle più importanti giornaliste del mondo, Ilaria Alpi, aveva scoperto un traffico illegale di residui tossici tra Somalia  e Occidente.  I paesi occidentali scaricavano i loro residui (industriali, nucleari …) nella periferie della Somalia. Per le sue inchieste è stata brutalmente uccisa. In Africa la situazione non è delle migliori. I governi non intervengono in queste situazioni e si occupano di traffico d’armi e di mercato illegale. L’ONU non interviene e di tutto ciò si occupano le ONG.

Rio favelas

Rio de Janeiro – favelas

Le  più famose sono le Favelas del Brasile. La più conosciuta è quella di Rio de Janeiro alle porte della metropoli. Come in molte città, alle spalle della metropoli ci sono queste periferie dove la gente povera vive. Le situazioni sono terribili perché non c’è igiene, non c’è controllo dalle forze dell’ordine e quindi accadono sempre brutti episodi. Ma qui si trovano le persone più determinate.  Jovanotti nel suo diario Il Grande Boh ci parla del suo viaggio a Salvador de Bahia dove ha potuto osservare con i suoi occhi la situazione delle favelas.

Carlinhos Brown

Carlinhos Brown

Vi cito una parte: “Carlinhos Brown sta nella favela, dove ha costruito un centro meraviglioso per lo sviluppo della cultura e per tenere occupati i bambini e i ragazzi. Ha messo in piedi una cosa eccezionale nel cuore di un baraccamento gigante con le fogne a cielo aperto e i tetti di lamiera”.  Queste persone come Carlinhos, che si sacrificano per la cultura, sono le più eccezionali.

Per ultimo vi parlo della situazione a New York dove il ghetto newyorkese e Harlem fanno la loro parte.

Non fu molto tempo fa, nel 1990, quando un ragazzo di appena 20 anni, Tupac Amaru Shakur, con il suo rap pieno di rabbia contro il razzismo, ha dato un’identità al ghetto newyorkese. So che ghetto è un parolone, ma è proprio vero che a New York una fetta di popolazione vive separata dal resto della città.

Tupac Shakur

Tupac Shakur

Tupac è stato un grande uomo che con la sua musica ha fatto capire allo stato cos’era il ghetto, che i neri non si arrendono facilmente alle difficoltà … Nel suo album Loyal to the Game, la canzone Ghetto Gospel è la concretizzazione di tutto ciò. Parla di come era la sua vita nel ghetto dove gli scontri fra i clan armati, i giri di droghe e armi erano all’ordine del giorno. Era più facile andare in galera che andare a scuola, dice. Però i genitori vogliono che i loro figli non prendano questa strada e li mandano a scuola, cercano di non far vedere alla gente la situazione.

Credo che questa sia la situazione nel mondo. Ci vorrà un grande uomo per far si che questo finisca. Questo uomo arriverà …  Sta arrivando.

FRANK 00.

(*) Studente tredicenne della Scuola Media Fratelli Bandiera di Roma.

 

Annunci

Informazioni su Daniela Mainardi

medico vivo e lavoro a Milano
Questa voce è stata pubblicata in città e contrassegnata con , , , , , , , , , , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...