Cibo dal deserto? In Australia….

desertoCibo dal deserto? In Australia non è più solo un’utopia…. – di Franca Castellini Bendoni (*)

C’è chi ci ha pensato e ha già avviato un sistema, definito rivoluzionario, per produrre svariate migliaia di tonnellate di alimenti freschi sfruttando le grandi distese dell’entroterra australiano. Il deserto, una landa  che raramente si vede nelle pubblicazioni turistiche sul continente australe, costellata da miniere e habitat di animali poco ‘simpatici’, come ragni e serpenti e dal quale stanno lontani canguri ed emù, queste sì le ben conosciute icone tradizionali dell’Australia. Continua a leggere “Cibo dal deserto? In Australia….”

Annunci

Tratta degli schiavi

schiavi 1TRATTA DEGLI SCHIAVI E MUTAMENTI AMBIENTALI TRA VECCHIO E NUOVO MONDO – di Agnese Visconti (*)

Mi propongo in queste pagine, che costituiscono una sintesi del mio articolo Tratta degli schiavi, mutamenti ambientali e conoscenze naturalistiche: Vecchio e Nuovo Mondo tra Cinquecento e Ottocento, di considerare la tratta, non tanto come fenomeno in sé, quanto piuttosto come elemento collegato ad alcune altre situazioni che caratterizzarono l’Africa e l’America dall’inizio del Cinquecento ai primi anni dell’Ottocento, con particolare attenzione ai mutamenti  dei grandi quadri geografici -naturali e umani- dei due continenti. Continua a leggere “Tratta degli schiavi”

Alla ricerca della biodiversità perduta

LupiAlla ricerca della biodiversità perduta: tre indici per valutare un tesoro a cielo aperto in via di estinzione su cui si giocano le strategie del millennio – di Carlo Alberto Rinolfi (*)

Quarantaquattro europei su 100 sanno cosa significa biodiversità, trenta ne hanno solo sentito parlare e ventisei non sanno cosa sia. L’ultima ricerca della Comunità Europea, rileva che gli  inquinamenti ambientali, i disastri provocati dall’uomo, le deforestazioni intensive e cambiamenti climatici sarebbero le cause principali della sua diminuzione. Delfini che si spiaggiano, terre inaridite e foreste distrutte, sono le immagini che più si associano alla perdita di biodiversità. Un problema destinato ad avere più conseguenze sui figli degli intervistati che non su di loro. La convinzione che sia opportuno proteggere la biodiversità è però elevata soprattutto per tre  ragioni che sono nell’ordine : 1) conservare “il benessere e la qualità della vita “, 2) produrre “cibo, carburante e medicine” ; 3) impedire che l’Europa non diventi “economicamente più povera. Continua a leggere “Alla ricerca della biodiversità perduta”

Nuove tecnologie per Agricoltura di Precisione

agricoltura-precisione-satellite-byflicrkcc20-hackshaven (3)Nuove tecnologie dallo spazio per raccolti più sicuri: droni per il ‘Precision Farming’. Per una gestione innovativa dell’attività agricola,  a beneficio anche dell’ecosistema – di Pietro Enrico Corsi (*)

Il titolo che sembra immaginifico evidenzia solo l’importanza della capacità ormai  acclarata che abbiamo  di utilizzare le nuove tecnologie in modalità olistica per creare sistemi potenti che anche nel settore agricolo si apprestano ad apportare sostanziali miglioramenti nella crescita qualitativa e quantitativa dei raccolti e minori danni all’ecosistema.  Grazie alla loro integrazione ed utilizzo nel relativamente nuovo e specialistico ramo del management che risponde al nome di “Agricoltura di Precisione” (1). Continua a leggere “Nuove tecnologie per Agricoltura di Precisione”

Minas Gerais Brasile , qualità degli alimenti e agrotossici

Minas panoramaMinas Gerais (Brasile): Qualità degli alimenti e contaminazione chimica – di Teresa Isenburg (*)

Le pagine che seguono sono volte a ragionare attorno al tema della sicurezza degli alimenti lavorati nello Stato di Minas Gerais, analizzando un singolo caso di studio che offre spunti di riflessione che possono essere applicati a parecchie altre realtà. Continua a leggere “Minas Gerais Brasile , qualità degli alimenti e agrotossici”

Africa che cambia

Africa che cambia : giovani popoli alla tavola dei consumi e antiche culture al  collasso della storia –  di Carlo Alberto Rinolfi (*)

atlante della nutrizione Mondohonline
atlante della nutrizione Mondohonline

Tra i popoli  che affollano il pianeta quelli del continente africano  sono i più denutriti ma anche i più diversificati e in trasformazione. Nel grande continente attraversato dall’equatore, l’Atlante globale della nutrizione di Mondohonline  individua la presenza di tre mondi dai quali è opportuno iniziare per capire la portata e la complessità del cambiamento in corso:

“Mondo della scarsità di risorse idriche”. Contiene l’Africa settentrionale, anche se i suoi confini si estendono oltre il Mar Rosso. Continua a leggere “Africa che cambia”

Nutrirsi nel Chaco, in Paraguay

ChaceParaguay, Chaco: Nutrirsi ed essere una famiglia indigena in un mondo globalizzato – di Francesco Anichini (*)

Le popolazioni indigene del continente Latinoamericano sono altamente vulnerabili in termini nutrizionali; in questo articolo mi concentro in analizzare le condizioni di denutrizione delle popolazioni indigene del Paraguay, che vivono nel territorio del Chaco. Continua a leggere “Nutrirsi nel Chaco, in Paraguay”